Padroni del nostro orgoglio

Padroni del nostro orgoglio

"È vero, non siamo più padroni del nostro destino, ma restiamo padroni del nostro orgoglio". L'Olbia è scivolata fuori dalla zona playoff all'indomani della sconfitta con la Viterbese, ma alla vigilia della partenza per l'ultima sfida in programma da calendario sul campo del Monza, mister Mereu chiede una reazione alla sua squadra serrando le file in vista di un match da vincere a tutti i costi. 

"La mia speranza - spiega il tecnico con un'efficace perifrasi - è che quella di oggi non sia l'ultima conferenza dell'anno, mentre la ferma volontà è di andare a Monza per fare risultato. È vero che purtroppo il nostro accesso ai playoff è legato anche all’esito dei risultati negli altri campi, ma pensiamo a vincere per chiudere in bellezza, poi vedremo in che posizione saremo".

Inevitabile uno sguardo retrospettivo a quello che è stato il cammino dell'Olbia nell'ultimissima fase. Dopo la vittoria con il Livorno, la flessione: "C'è rabbia perché eravamo nelle condizioni di centrare l'obiettivo dei playoff con maggiore tranquillità e non posso che assumermi le responsabilità per non essere riuscito ad alzare l'asticella quando si è materializzata la possibilità di raggiungere il nuovo obiettivo. Alla squadra è mancata quella carica di rabbia sana e di cattiveria che ha sempre impreziosito il lavoro quotidiano. Probabilmente non sono riuscito a trasferirla in maniera adeguata alla squadra". 

L'Olbia si butta dunque a capofitto negli spiragli che la classifica offre. "Questa squadra ha idee e identità precise e in settimana si è allenata con concentrazione e intensità perché vuole riscattarsi dopo i ko contro Lucchese e Viterbese. Ritrovando la voglia e lo spirito che conosciamo, a Monza andremo per ben figurare".

Un avversario in ottima salute in lotta per il quarto posto in griglia. "Il Monza è una bella squadra, esperta e capace di giocare un buon calcio attraverso un impianto di gioco dinamico. Il fatto che abbia un obiettivo preciso da raggiungere non ci agevola, ma questo vorrà dire che in campo si vedrà una partita vera, come fu all'andata, quando, dopo un periodo difficile, tirammo fuori una grandissima prestazione e portammo a casa i tre punti".