Verso Trastevere-Olbia, Mignani: “Vogliamo vincere”

Verso Trastevere-Olbia, Mignani: “Vogliamo vincere”

Al termine dell’allenamento di questo pomeriggio, Michele Mignani ha incontrato i giornalisti per la conferenza pre partita. Tanti i temi affrontati, dalle difficoltà che nasconde una partita come quella di Trastevere al recupero degli scalpitanti Cossu e Molino, passando per quello che deve essere l’approccio della squadra da qui alla fine del campionato.

Paradossalmente – esordisce il mister – temo di più il Trastevere del Grosseto perché contro la capolista, per di più in casa, le motivazioni sono automatiche. Andare invece a giocare in trasferta su un campo ostico e contro una squadra che ha comunque valori e può dire la sua in questo campionato mi preoccupa maggiormente. Dovremo essere bravi a confermare quanto di buono fatto vedere domenica scorsa“.

L’undici anti Trastevere è ancora in fase di elaborazione, come di consueto il mister scioglierà le riserve solo a ridosso della partita: “Decido sempre tra il sabato sera e la domenica mattina. Con i recuperi di Molino e Cossu, che hanno messo sulle gambe un’altra settimana di allenamento, aumenta per me la possibilità di scelta e l’abbondanza è sempre ben accetta. Cotali? Si è allenato bene per tutta la settimana ed è sicuramente un’opzione che prenderò in considerazione“.

Il mister spiega anche l’esclusione di Steri contro il Grosseto: “Giochiamo un campionato in cui dobbiamo stare attenti all’anagrafe in campo, per cui la scelta di tenere Alessandro in panchina è legata principalmente a questo. Da quando sono arrivato, però, ho visto in lui un professionista esemplare sul quale so di poter contare sempre“.

Fare la corsa su una squadra specifica o su un gruppetto di concorrenti non avrebbe senso. Mignani argomenta al riguardo: “Squadre come Viterbese, Rieti, Torres e Albalonga non le ho mai viste giocare, per cui non posso esprimere un’opinione, ma in ogni caso non ci troviamo nelle condizioni di poter fare calcoli o proiezioni. Dobbiamo recuperare terreno, per cui quello che dico sempre ai ragazzi è di guardare sempre alla partita successiva con l’obiettivo di vincerla. Sarà pure una considerazione banale, ma la corsa la facciamo su noi stessi“.

Ecco perché, per il momento, la classifica resta una tabella da ignorare: “Non la guardo, lo farò solo a fine stagione. Per adesso l’unico obiettivo resta la vittoria contro il Trastevere“.