"Olbia, sono tornato"

"Olbia, sono tornato"

Le sensazioni sono sempre fortissime. Ma tornare a casa e poterlo fare con un bagaglio di esperienze che possono fare la differenza, probabilmente rende il tutto ancora più bello. Luca La Rosa è tornato a casa, nella sua Olbia, città e squadra con la quale ha esordito nel calcio dei grandi in Serie C2 e con la quale ha conquistato, qualche anno dopo, la vittoria del campionato di Eccellenza. Ora, in maglia bianca nella Serie C unica, un nuovo inizio per essere ancora più protagonista. 

Questa mattina La Rosa è stato presentato alla stampa, a introdurlo il presidente Alessandro Marino: "Ci tengo a precisare che l'Olbia ha preso anzitutto un calciatore che ha dimostrato sul campo, peraltro anche a nostre spese, il proprio valore in questi anni. La decisione non è stata fatta tenendo conto della carta d'identità, ma non nascondo che il fatto che Luca sia un ragazzo di Olbia rappresenta certamente un valore aggiunto per tutti. Si è meritato con l'impegno e una crescita calcistica importante questa chiamata". 

Quindi la parola passa al diretto interessato, il quale non nasconde la propria emozione quando invitato a ripercorrere gli episodi e i ricordi che oggi l'hanno riportato all'Olbia in quello che va a definire come un "prosieguo" della propria vita da calciatore in maglia bianca con la quale ha raccolto 82 presenze e realizzato 10 reti: "A chiamarmi per la prima volta - spiega La Rosa sollecitato dai cronisti - è stato Gian Renzo Bazzu, con il quale c'è da tempo anche un rapporto di amicizia. E per questo, lì per lì, pensavo avesse bisogno di qualcos'altro, ma quando mi ha chiesto la disponibilità a tornare all'Olbia, ho deciso immediatamente di accettare. L'accordo l'abbiamo trovato in un attimo e penso non serva rimarcare quanto sia felice di questa scelta". 

Tra pochi giorni, in quel di Buddusò, inizierà la nuova avventura per preparare al meglio il prossimo campionato di Serie C, il quarto consecutivo per l'Olbia: "Mi sembra che il girone A si stia delineando come raggruppamento molto competitivo, certamente più dello scorso anno quando anche a causa delle sofferenze di alcuni club si creò una spaccatura evidente in classifica. Mi aspetto un campionato molto livellato, nel quale noi dovremo essere bravi a dire sempre la nostra". 

Tra i punti di forza di La Rosa c'è indubbiamente la grande duttilità tattica. A disposizione dell'Olbia, un vero e proprio jolly: "Nasco centrocampista però nel tempo ho ricoperto tutti i ruoli della difesa e della mediana. Insomma - ci scherza su - nelle giornate in cui si fa la conta degli infortuni, posso tornare molto utile". Qualcosa che gradirà di certo mister Filippi, con il quale il rapporto è già ottimale: "Ci siamo già incontrati e ci sentiamo, mi ha fatto un'ottima impressione, è un professionista vero che fa giocare molto bene la squadra. Non vedo l'ora di iniziare".