Le voci del post gara

Le voci del post gara

Terzo pareggio consecutivo per l'Olbia di mister Brevi che ancora una volta conquista un punto recuperando dallo svantaggio. Era successo con la Juventus e con la Giana, è successo ancora con il Pontedera, seconda forza del girone fermata al Nespoli sull'1-1.

Così il tecnico dei bianchi a fine gara: "Oggi faccio i complimenti ai ragazzi per la prestazione che hanno offerto e per come hanno saputo giocare compatti. Ancora una volta siamo stati bravi a reagire alle difficoltà, anche se è chiaro che l'Olbia ha bisogno di vincere e non di pareggiare. Abbiamo affrontato alla pari una squadra che, dicono i numeri in classifica, ha un grande valore e concede pochissimo all'avversario. È chiaro che avendo tanti giocatori indisponibili, nel momento in cui scarseggiano lucidità e forza d'urto, paghiamo dazio perché non c'è la possibilità di cambiare. È successo a Gorgonzola ed è successo ancora oggi: ci è mancata la forza per tenere i ritmi alti nei 20' finali. Tuttavia, l'ho detto anche ai ragazzi negli spogliatoi, la mentalità che stiamo avendo è quella giusta. Dobbiamo aiutarli a mettersi alle spalle questi mesi complicati e a far passare la paura perché le qualità ci sono. Ora sotto con il Siena, andiamo giocarcela al massimo delle nostre forze". 

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Luca La Rosa, oggi in campo per la 100ª volta con la maglia dell'Olbia e autore del gol (il quarto in stagione) che ha rimesso in parità la gara: "Abbiamo approcciato bene la gara e penso che, in campo, non si sia vista la differenza in classifica. Certo, il Pontedera gioca con maggiore serenità e questo aiuta, però ci prendiamo questo punto che dà continuità al lavoro e ai risultati. Stiamo ritrovando fiducia: ora pensiamo al Siena, dobbiamo guardare avanti perché basta davvero poco per colmare il gap. Il traguardo delle 100 presenze? Mi rende orgoglioso aver raggiunto questo risultato con la maglia della mia città. Il prossimo? La salvezza, ne sono sicuro".