"Finalmente a Olbia"

"Finalmente a Olbia"

Dopo l’annuncio, la presentazione. Il nuovo mister dei bianchi Max Canzi è stato presentato questa mattina nella sala stampa dello stadio Nespoli. Con lui, il suo vice Luigi Lavecchia, oltre che il presidente Alessandro Marino e il direttore sportivo Tomaso Tatti. 

Il nuovo tecnico dei bianchi si è espresso con parole di grande soddisfazione per il suo approdo a Olbia: "Voglio anzitutto ringraziare il presidente e la società per l'importante opportunità che mi viene data. Sono davvero contento e onorato di essere il nuovo allenatore dell'Olbia. Mi ritengo fortunato perché sono tra i pochi che ha trasformato una passione in lavoro. Posso garantire che metterò il massimo impegno in questa nuova avventura portando l'esperienza maturata nel corso degli anni. Dell'Olbia degli ultimi cinque anni so tutto, l'ho seguita con costanza e conosco molto bene gli allenatori che l'hanno guidata. Che giocatori della Primavera mi seguiranno? È prematuro parlarne adesso, la Società valuterà il da farsi. Di certo posso dire che a Olbia vedremo soltanto ragazzi motivati e vogliosi di mettersi in mostra all'interno di un gruppo che può contare su giocatori di grande spessore e talento come Pisano, Cocco, La Rosa e Giandonato (il cui arrivo è stato annunciato dal presidente nel corso della conferenza, nda)"

Nel corso della conferenza il tecnico viene anche stuzzicato sulla scelta del modulo di gioco: "Chi mi conosce e mi ha seguito in questi anni sa che ho un'idea di calcio che preferisco, ma sa anche che a seconda delle circostanze cambio il modo di giocare. Qua a Olbia sarà ovviamente preliminare conoscere i giocatori e le loro caratteristiche in funzione delle quali adatterò la squadra". La voglia di iniziare è tanta così come la voglia di conoscere la città: "Voglio abitare nel Centro della città perché intendo vivere e conoscere Olbia il più possibile. Mi piace calarmi nella realtà in cui vivo, l'ho sempre fatto. Questo lavoro non è solo campo, allenamenti e partite ma anche entrare in sintonia con l'ambiente". 

In chiusura si torna sulla scelta di sposare il progetto bianco: "In passato ci sono state chiacchierate con la Società, ma sono convinto che fosse questo il momento giusto. Finalmente sono a Olbia e non vedo l'ora di iniziare".