"La squadra non molla"

"La squadra non molla"

Dopo il pareggio interno conquistato contro il Livorno, mister Canzi cita il proverbiale bicchiere mezzo pieno nel commentare davanti ai cronisti a caldo l'andamento della gara. E non potrebbe essere diversamente dal momento che in campo si è vista un'Olbia tonica e in netta crescita anche sotto l'aspetto della pericolosità sotto porta. 

"Si tratta di un pareggio colto in rimonta contro una squadra forte che dalla cintola in su dispone di giocatori di categoria superiore alla Serie C" argomenta il tecnico in sala stampa. "Penso che oggi siamo riusciti a creare tanto davanti, per questo avremmo dovuto raccogliere di più. Il loro portiere è stato molto bravo e ancora una volta abbiamo subito gol nel nostro momento migliore. Per noi è sicuramente un periodo particolare, ma la squadra ha dimostrato di non mollare mai".

La squadra dava l'impressione di poter vincere. Cosa è mancato? "Un po' di concretezza sotto porta, di cattiveria nel gestire meglio le situazioni offensive propiziate e un pizzico di fortuna non guasta mai. Differenze con il pareggio di Sesto? Certamente che oggi avevamo di fronte una squadra tecnicamente da categoria superiore. Abbiamo concesso qualcosina nel primo tempo, per questo nella ripresa ho deciso di cambiare modulo inserendo un giocatore come Marigosu tra le linee che ha disputato una buona gara".

Nel corso della gara l'Olbia è passata dal 3-5-2 al 4-3-1-2, quindi nel finale a un 4-2-4: "Se mi accorgo che qualcosa non va, devo fare in modo di incidere per cambiare. Ho il dovere morale. Nel primo tempo abbiamo faticato in fase di non possesso, per questo siamo a passati alla difesa a quattro nella ripresa, mentre nel finale, con l'inserimento di D'Agostino, abbiamo cercato i duelli sulle corsie esterne per provare a sorprenderli". 

In chiusura una nota su Cocco, al suo secondo gol in campionato: "Un fattore importante perché gli attaccanti vivono di gol e la loro serenità fa bene alla squadra. Sono sicuro che presto anche le altre punte troveranno la via della rete. Gagliano? Sta giocando con lo spirito giusto".