IMPRESA È FATTA!

IMPRESA È FATTA!

Missione compiuta. Con maturità e autorevolezza l'Olbia manda al tappeto il Siena, centrando la seconda vittoria esterna e scacciando via, con 90' di grande agonismo, ansie e preoccupazioni indotte dalle ultime sfortunate uscite. Il ritorno alla vittoria ha il sorriso scalfito sui volti dei generosissimi ragazzi di Mignani che escono dalla pelouse del "Franchi" tra gli applausi del pubblico. Attenzione, concentrazione, cinismo. Stavolta l'Olbia non dimentica niente e fa schizzare alle stelle il valore delle tre parole d'ordine.

La cronaca del match, pur scarna di nitide occasioni da gol, racconta una sfida a lungo combattuta nella zona nevralgica del campo e spostata per lo più sull'asse della fisicità. Duelli aerei, contrasti, raddoppi. Siena e Olbia non si sono risparmiate un solo istante, ma alla fine ha prevalso la squadra più ordinata, equilibrata e affamata. La fase di studio, nella prima frazione, è stata più lunga del previsto. La mobilità di Capello e Vassallo genera scintille, ma la partita si accende solo al 40', quando Kouko riceve palla da Geroni in transizione e pennella dal limite un destro a rientrare: gol.

Andare sul riposo in vantaggio fa acquisire ulteriore forza ai bianchi, che nel secondo tempo gestiscono in maniera impeccabile la forza d'urto dei locali. Colella ridisegna il proprio scacchiere in apertura di frazione, Mignani passa al 4-4-2 al 68' con l'ingresso di Tetteh. L'Olbia ne guadagna in graniticità e arriva a sfiorare il colpo del ko con Muroni: il centrocampista, trovatosi solo nell'area piccola e con la porta sguarnita, impatta male con la testa un cross susseguente a un brillante spunto di Kouko. Nel quart'ora finale si depongono tutti i fioretti per sfoderare le spade che respingono l'assedio del Siena e che difendono una vittoria meritata, intelligente e salutare.

Il gol di Kouko, il terzo stagionale e il primo decisivo ai fini dell'assegnazione dei punti, è una gemma dallo splendore miliare. Mai l'Olbia aveva infatti sbancato il "Franchi" di Siena nei 9 precedenti di campionato giocati in terra toscana. Nel momento forse più complicato della stagione, la reazione dei bianchi è stata dunque dirompente. Rivelatrice, una volta di più, di un gruppo di giocatori dalle risorse e dalle potenzialità infinite. E soprattutto capaci delle più avvincenti imprese.  

TABELLINO
Siena-Olbia | 18ª giornata

SIENA: Moschin, Castiglia (46’ Saric), Guerri, Mendicino, Bunino, D’Ambrosio, Iapichino, Bordi, Stankevicius, Grillo (46’ Firenze), Vassallo (72' Doninelli). A disp.: Ivanov, Romagnoli, Rondanini, Masullo, Lucarini, Filipovic, Secondo. All.: Colella.

OLBIA: Carboni, Pinna, Cotali, Dametto, Miceli, Geroni, Capello, Ragatzu (68' Tetteh), Piredda (87' Feola), Kouko (82' Senesi), Muroni. A disp.: Montaperto, Van der Want, Murgia, Russu, Auriemma, Quaranta, Delgado. All.: Mignani.

ARBITRO: Francesco Raciti di Acireale. Assistenti: Matteo Guddo di Palermo e Ylenia D’Alia di Trapani.

MARCATORE: 40’ Kouko

AMMONITI: Muroni, Cotali, Miceli, Firenze, Geroni

NOTE: Recupero: 3' st