Mignani: "Paghiamo i nostri errori"

Mignani: "Paghiamo i nostri errori"

Per sdrammatizzare potremmo dire che il "Garilli" non porta bene. Dopo la sconfitta contro il Piacenza, l'Olbia cade anche contro il Pro Piacenza disputando una partita non dissimile da quella dello scorso 2 ottobre: "Quello che si è visto in queste due partite, che per aspetti sono state simili, - spiega mister Mignani a caldo nel post gara - è che ci è mancato qualcosa in termini di concretezza. Oggi siamo partiti bene, facendo girare la palla ma rendendoci poco pericolosi. Il primo gol subito? Dice che ci portiamo dietro limiti o difetti che ci costano sempre cari e vanificano il lavoro. Rimontare una squadra organizzata e in salute non è mai semplice. Pur provandoci, non siamo riusciti a creare grandi pericoli al Pro Piacenza".

Il mister continua poi la disamina del match: "Nella prima parte del primo tempo siamo andati meglio noi, ma alla lunga l'avversario ha saputo mettere in campo più sostanza e solidità. Non abbiamo sottovalutato il Pro Piacenza, che si è dimostrata squadra coordinata in fase difensiva e capace di castigare alla prima occasione". Sull'assenza di Piredda: "È un giocatore che ci dà tanta qualità, ma oggi al suo posto ha giocato un ragazzo del '99, Tetteh, che ha fatto una grandissima partita".

La sconfitta odierna non scalfisce piani e filosofia: "Dopo questo ko ripartiamo ancora più affamati perché siamo una squadra che si non accontenta e soprattutto che cerca sempre di migliorarsi. L'obiettivo è fare più punti di quelli fatti all'andata, per questo, nonostante la classifica sia buona, oggi vediamo il bicchiere mezzo vuoto: perché il nostro compito è di riuscire a colmarlo sempre il più possibile".