Al Cagliari il Trofeo Sardegna

Al Cagliari il Trofeo Sardegna

Una festa sugli spalti nel segno di un legame forte che vuole unire e avvicinare. La seconda edizione del Trofeo Sardegna, manifestazione patrocinata dal Banco di Sardegna con Olbia e Cagliari a confronto, ha visto un "Nespoli" gremito e felice di poter celebrare le due squadre dell'Isola che quest'anno hanno saputo confermarsi con carattere e soprattutto grande merito nelle rispettive categorie. Prima della partita il palcoscenico è stato tutto per i ragazzi autistici dell'associazione cittadina "Sensibilmente ONLUS", entrati sul terreno di gioco accompagnati dai bambini della scuola calcio dell'Olbia.

LA PARTITA. In campo, da subito, è stata invece gara vera con i bianchi che hanno fatto la partita per larghi tratti, sospinti nel primo tempo dalla classe di Cossu e Piredda su tutti. Diverse le occasioni non sfruttate, con Ogunseye costante pericolo per la retroguardia rossoblù e vicinissimo al gol di testa in due circostanze. Ai gol sbagliati, è la dura legge del calcio, hanno fatto seguito quelli subiti. Van der Want si supera in un paio di interventi, poi nulla può sulla girata di Joao Pedro (32') e sul bel colpo di testa di Faragò in inserimento (39'): si va al riposo sul 2-0. Nella ripresa prevedibili numerosi cambi e stesso copione del primo tempo. I bianchi non sfigurano e combattono con coraggio mettendosi in mostra per il consueto ottimo fraseggio, ma il Cagliari riesce a trovare la terza rete con un'autentica perla di Sau: tiro a giro dal limite e palla che sbatte sul palo prima di entrare in rete. Sotto di tre reti l'Olbia non demorde e ci prova ancora con Capello e Pinna ma Rafael è attento. Al 77' la punizione di Ragatzu, sempre vivace e propositivo, va fuori di un soffio, mentre all'85' la rete di Salamon chiude definitivamente i giochi. Il Cagliari batte l'Olbia 4-0 e, come un anno fa, si aggiudica il Trofeo Sardegna.

LA PREMIAZIONE.  Tra gli applausi di un pubblico divertito e soddisfatto si è consumata in coda la cerimonia concusiva con la madrina dell'evento Valentina Caruso a presentare le premiazioni. Il direttore generale del Banco di Sardegna Giuseppe Cuccurese ha consegnato un piatto Cerasarda alla presidentessa dell'associazione Sensibilmente Onlus Veronica Asara come testimonianza simbolica della donazione di parte dell'incasso della partita che verrà effettuata in favore dell'associazione. A seguire, il presidente del Cagliari Tommaso Giulini ha premiato Andrea Cossu come miglior giocatore della manifestazione votato dal pubblico sui social. E in ultimo, il capitano rossoblù Daniele Dessena ha ricevuto dal presidente dell'Olbia Alessandro Marino il trofeo della vittoria. Il Cagliari bissa e mette di nuovo il proprio nome nell'albo d'oro, rimandando il nuovo appuntamento all'anno prossimo: nel segno di un'amicizia tra società e di uno sport che sia veramente spettacolo e soprattutto alla portata di tutti.