SINFONIA OLBIA

SINFONIA OLBIA

Un'Olbia impetuosa e arrembante annichilisce il Cuneo con un roboante 4-1 e si porta a quota 20 punti in classifica. I bianchi conquistano una nuova vittoria, sfornando una prestazione di altissimo livello tecnico e atletico al cospetto di un avversario che in trasferta non aveva ancora conosciuto sconfitta. L'Olbia vince da squadra, superando a pieni voti un altro esame di maturità. In campo splendono tutte le maglie bianche in campo, su tutte quella di Daniele Ragatzu, sempre più leader e autore di una formidabile tripletta che gli vale il pallone da gara come premio e la leadership della classifica cannonieri del girone A a quota 8 gol. Niente male.  

Pronti via e Mereu deve fare a meno di Feola dopo il riscaldamento. Al suo posto, nel ruolo di play e all'esordio dal primo minuto, Roberto Biancu. L'Olbia, con il vento contrario, in avvio scatta, corre e colpisce mettendo subito alle corde un avversario che cerca di fermare la furia bianca più con le cattive che con le buone. Ragatzu martella e ispira sin dalle prime battute e al 5' l'Olbia va in gol con un tap-in di Pisano ma il direttore di gara annulla per fuorigioco, mentre all'8' Stancampiano dice no a un gran colpo di testa di Ogunseye. L'Olbia crea, preme e si esalta con un gioco brioso ed efficace: Murgia sale in cattedra e al 25' potrebbe va vicino al gol con un tiro da buona posizione che si spegne alto sulla traversa, mentre al 28' spara un missile che il portiere cuneese blocca in due tempi. I bianchi, padroni del campo e del gioco, non riescono a passare e l'ultimo quarto d'ora della prima frazione scorre via tra un brivido (29' Zamparo che calcia sull'esterno della rete) e tante triangolazioni ficcanti di marca olbiese. 

Nella ripresa i bianchi si preparano sin da subito a rompere il ghiaccio. Biancu aumenta i giri, Ragatzu scappa via sistematicamente alla difesa biancorossa, Ogunseye prevale nei duelli fisici e al 59' la coppia d'attacco confeziona il vantaggio: il numero 9 ruba palla sull'out di destra e va sul fondo, il cross viene raccolto al centro da Ragatzu che controlla e fa gol: 1-0. L'azione del raddoppio, sviluppatasi sempre sulla destra, è ancora più sublime. Biancu duetta con Muroni, avanza e calibra alla perfezione in area per Ragatzu che colpisce forte e di prima infilando la palla tra il portiere e il primo palo: 2-0 al 62'. A questo punto l'Olbia amministra e gestisce mentre il Cuneo tenta di imbastire una reazione. Gardano chiude la girandola dei cambi disponibili e all'80' i biancorossi trovano l'insperato gol che riapre la gara con Rosso, abile a risolvere una mischia in area. Quando si prospetta un finale di gara infuocato, ecco che due sfuriate di Senesi (entrato all'84' al posto di Murgia) rimettono le cose in chiaro. La freccia d'attacco è letteralmente incontenibile e con due accelerazioni conquista due calci di rigore: il primo, all'86', viene trasformato da Ragatzu e vale il 3-1; il secondo, al 92', da Ogunseye il 4-1 definitivo. 

Il trionfo dei bianchi si riflette su un Nespoli festante e gioioso per la nuova compresa dai suoi eroi. La standing ovation per l'autore dell'hattrick giornaliero e la corsa sotto la curva mettono la firma sul sesto capolavoro di questo avvincente campionato.

TABELLINO
Olbia-Cuneo 4-1 | 10ª Giornata

OLBIA: Aresti, Pisano, Leverbe, Iotti (88’ Dametto), Cotali, Muroni, Biancu, Pennington, Murgia (84’ Senesi), Ragatzu (92’ Vispo), Ogunseye. A disp.: Idrissi, Van der Want, Pinna, Manca, Vasco Oliveira, Arras, Feola, Marongiu. All.: Bernardo Mereu
CUNEO: Baschirotto, Conrotto, Boni, Anastasia (75’ Aperi), Secondo (75’ Pellini), Rosso, Cristini (47’ pt Provenzano - 47’ Gerbaudo), Testoni, Zamparo, Dell’Agnello. A disp.: Bambino, Martino, Boniperti, Maresca, D’Ignazio. All.: Massimo Gardano

ARBITRO: Paolo Bitonti di Bologna. Assistenti: Alex Cavallina di Parma e Salvatore Buonocore di Marsala.
MARCATORI: 59’, 62’ e 86’ rig. Ragatzu, 80’ Rosso (C), 94’ rig. Ogunseye
AMMONITI: 19’ Testoni, 61’ Secondo, 68’Anastasia, 85’ Pennington
NOTE: Recupero: 2' pt; 4' st. Spettatori: 1029. Giornata fresca e ventosa.