Mereu: "Vinto contro una grande squadra"

Mereu: "Vinto contro una grande squadra"

Da uno 0-3 a un 3-0. L'Olbia si rilancia dopo il ko del derby e il primo a commentare in sala stampa il netto successo sulla Giana Erminio è il tecnico dei bianchi Bernardo Mereu: "Oggi avevamo di fronte un avversario composto da giocatori di qualità e grande esperienza, una delle squadre che più apprezzato tra quelle studiate. Posso dire che abbiamo disputato una grande partita, meritando dal primo all'ultimo minuto questa bella vittoria".

In campo l'Olbia ha dominato giocando chiudendo la partita con un undici dall'età media di 21,5 anni: "Questo sta a testimoniare ciò che ripeto da tempo: ho una squadra di giovani di grande valore che con personalità reagiscono alle difficoltà. Questa è stata una vittoria voluta e ottenuta dalla squadra, dal gruppo. Il lavoro e la voglia di migliorarsi stanno alla base di ogni successo". 

Per il mister l'aspetto più positivo sta nell'approccio e nella gestione della gara: "Mi è piaciuta l'intelligenza con quale i ragazzi hanno affrontato un avversario forte. L'Olbia ha fatto un gran primo tempo e Ogunseye un gol fantastico a coronamento di una bella azione. I ragazzi hanno saputo compattarsi nel momento di difficoltà, arrivato in avvio di ripresa, sino a costruire con pazienza e costanza l'episodio favorevole per indirizzare definitivamente la gara. La squadra non si è mai rilassata ed è stato importante non aver preso gol". 

La classifica sorride sempre di più all'Olbia: "Sicuramente è ottima, ma, insieme ai ragazzi, abbiamo deciso di vivere questa stagione in maniera diversa. Dobbiamo pensare e giocare domenica per domenica, scrivendo il nostro campionato capitolo per capitolo. Non dobbiamo fare previsioni di nessun tipo, né esaltarci o abbatterci dopo una vittoria o una sconfitta. I calcoli, nel calcio, possono portare fuori strada". 

In chiusura un commento sulla scelta di schierare Senesi dall'inizio: "In settimana ho visto nei suoi occhi voglia e carica giuste e ho deciso in questo senso. La sua prestazione è stata molto positiva, gli avevo chiesto di lavorare in mezzo ai loro due play Marotta e Pinardi e di avanzare di qualche metro in fase di possesso. Senesi è un giocatore che ha una percezione del campo a 360° perché ha le capacità di ricoprire più ruoli. Giocare con il 4-3-3? È prematuro perché il nostro percorso di crescita deve superare ancora alcuni step nella gestione dei tempi di gioco e nell'attenzione difensiva. A tempo debito, vedremo anche altre soluzioni tattiche".