BRUTTA SCONFITTA

Una débâcle senza attenuanti. Nel giorno della riscossa, l’Olbia incappa in una pesante sconfitta interna contro la Pergolettese figlia di una partita approcciata nel modo sbagliato dal punto di vista dell’atteggiamento e scivolata via già nel primo tempo, chiuso dagli ospiti in vantaggio di tre reti. 

Certo, il gol subito a freddo, era solo il 1′, per piede di Duca ha complicato enormemente il piano dei bianchi che, presentatisi all’appuntamento con sette indisponibili, non sono riusciti a mantenere distanze ed equilibri tra reparti, né a essere ficcanti e pericolosi davanti. Ne ha approfittato un avversario guardingo, tonico e concentrato che ha punito a ogni occasione concessa. Il raddoppio, arrivato al 24′, si registra su un’imbucata per vie centrali e una trappola del fuorigioco non scattata: per Morello è un gioco da ragazzi correggere in rete il passaggio di Scardina. L’Olbia si fa vedere soprattutto sulla sinistra con Cadili, che al 26′ arriva sul fondo e serve Ladinetti il cui tiro termina alto. Il tris ospite, al 34′, arriva con Scardina che si vede restituito il favore da Morello e da pochi passo, tutto solo, insacca di testa il cross del compagno. 

Nella ripresa doppio cambio e nuovo esordio in maglia bianca per Daniele Ragatzu. L’Olbia abbozza una reazione d’orgoglio e preme la Pergolettese nella propria metà campo, arrivando a conquistare due calci di rigore nel giro di due minuti. Il primo, battuto da Ragatzu, viene neutralizzato da Ghidotti in corner. Il secondo, battuto ancora una volta da Ragatzu, porta l’Olbia sull’1-3. È il 61′ e l’Olbia intravede la possibilità di una rimonta. Sulla sinistra la catena Ragatzu-Pitzalis appare fluida, sulla destra Arboleda tenta qualche affondo. Ma sulla traversa colpita da La Rosa per effetto di un traversone fuori misura e il clamoroso colpo di testa mancato da Altare tutto solo nell’area piccola si spengono definitivamente le velleità biancolbiesi. 

Neanche il rosso inflitto a Ciccone per doppio giallo riesce a rianimare le energie che servirebbero. E così, al 90′, la retroguardia si fa sorprendere da una palla in diagonale che Piccardo colpisce al volo centrando il palo; sulla ribattuta, però, Longo fa 1-4

Dopo 5′ di recupero, il signor Taricone di Perugia manda agli archivi una partita che ha visto in campo un’Olbia troppo brutta per essere vera. 

TABELLINO
Olbia-Pergolettese 1-4 | 10ª giornata 

OLBIA: Tornaghi, La Rosa, Dalla Bernardina (46’ Arboleda), Altare, Pennington (62’ D’Agostino), Ladinetti, Lella, Cadili (62’ Pitzalis), Marigosu, Gagliano (46’ Ragatzu), Udoh (83’ Di Paolo). A disp.: Barone, van der Want, Secci, Cossu, Occhioni, Giandonato. All.: Max Canzi.
PERGOLETTESE: Ghidotti, Candela, Lucenti, Bakayoko, Villa, Figoli (79’ Andreoli), Panatti, Duca (73’ Varas), Scardina (55’ Longo), Bariti (46’ Ciccone), Morello (79’ Piccardo) . A disp.: Soncin, Faini, Scarpelli, Ferrara, Lamberti. All.: Matteo Contini.
ARBITRO: Simone Taricone di Perugia coadiuvato da Monaco di Termoli e Dell’Arciprete di Vasto. Quarto uomo Angelucci di Foligno.
MARCATORI: 1’ Duca, 24’ Morello, 34’ Scardina, 61’ rig. Ragaztu (O), 90’ Longo
AMMONITI: 11’ Ladinetti, 22’ La Rosa, 44’ Candela, 59’ Lucenti, 63’ Ciccone.
ESPULSO: Al 76’ Ciccone per doppia ammonizione.
NOTE: Gara giocata a porte chiuse. Recupero: 0 pt, 5’ st.

Condividi l'articolo

Scopri il nostro shop

Mostra il tuo orgoglio per i nostri giocatori e renditi protagonista del gioco.

Ultime notizie

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare il consolidamento della partnership con Geasar,

comunicato

La società rende noto che Gianluca Contini e Alessandro Corti terminano la

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare l’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare il consolidamento della partnership con Geasar,

comunicato

La società rende noto che Gianluca Contini e Alessandro Corti terminano la

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare l’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive

Scopri il nostro shop

Mostra il tuo orgoglio per i nostri giocatori e renditi protagonista del gioco.