“Fare bottino pieno per dare ulteriore valore al nostro percorso”

Discorso, rifinitura, conferenza stampa. La mattinata dell’Olbia e di Roberto Occhiuzzi è stata scandita dai eventi tanto routinari quanti significativi e densi di significato, alla vigilia della sfida che vedrà i bianchi contendere i tre punti alla capolista del girone Reggiana. “Mancano due gare alla fine del campionato – attacca Occhiuzzi – ma la squadra, per l’entusiasmo e la voglia, dà la sensazione di essere ancora nel girone di andata. Questo perché sente di avere ancora tanto da dare, da esprimere e da raggiugnere. Anzitutto la salvezza matematica in una gara che è importante sia per l’Olbia che per la Reggiana“. 

L’Olbia si è issata nelle zone centrali della classifica, in una posizione equidistante da playout e playoff: “Quanti punti mancano alla salvezza? Ce ne sono sei ancora a disposizione” risponde con decisione l’allenatore. “Fare bottino pieno domani – incalza – può dare ulteriore valore al nostro percorso che non è ancora finito. In testa ho solo la volontà di continuare a vedere l’Olbia giocare con entusiasmo e carattere“.  

Il tecnico rifiuta la rappresentazione di un’Olbia ago della bilancia per il titolo: “Sono discorsi che non mi interessano, a vincere o meno il campionato devono pensarci Reggiana, Entella e Cesena. Io devo pensare soltanto a dare tutto quello che ho all’Olbia, alla città e ai suoi tifosi, a una Società che ha grandissime competenze e che mi ha sempre dato fiducia incondizionata. Abbiamo dimostrato con i fatti che, dai momenti difficili, si poteva venire con qualità e personalità. Il nostro percorso è iniziato da molto lontano, già nella gara di andata a Reggio Emilia avevamo dimostrato il nostro valore, giocando senza paura“. 

Allo stesso modo, nelle parole del tecnico la bilancia delle pressioni sulla gara si presenta in perfetto equilibrio: “La Reggiana gioca per vincere il campionato, noi per disputarlo anche il prossimo anno. Siamo usciti da poco dalle sabbie mobili e non vogliamo di certo tornarci. Pensiamo solo a noi stessi, anche perché la Vis Pesaro a Cesena farà di tutto per prendersi i tre punti. La Reggiana ci teme? Fa bene – dice Occhiuzzi – ma parliamo di una società composta da dirigenti, allenatore e giocatori esperti che verranno a giocare con rispetto e consapevolezza dell’avversario. Sanno bene come si affrontano queste gare“. 

Dopo aver fatto schermo sui complimenti ricevuti (“Mi interessano relativamente. Per me conta più di ogni cosa la fiducia manifestata dalla Società quando le cose non andavano per il verso giusto“), il tecnico passa alle previsioni tattiche con un cenno anche all’ultima sfida: “Dalla Reggiana mi aspetto attenzioni particolari su alcuni nostri giocatori, ma preferisco focalizzarmi sull’esigenza di vedere l’Olbia esprimersi in campo con la stessa lingua e con lo stesso pensiero in tutti i suoi effettivi. Per come ho visto lavorare i ragazzi, sono tranquillo da questo punto di vista. A Recanati non siamo stati perfetti, siamo anche andati in difficoltà, ma alla fine ha prevalso la nostra voglia di vincere su tutto. Quella stessa fame potrà fare la differenza anche domani“. 

Condividi l'articolo

Scopri il nostro shop

Mostra il tuo orgoglio per i nostri giocatori e renditi protagonista del gioco.

Ultime notizie

Comunicato

Il punto sugli infortuni  Al rientro dalla trasferta aretina, ecco il punto

Lorenzo Boganini

La società rende noto che questa mattina Lorenzo Boganini si è sottoposto

Comunicato

Il punto sugli infortuni  Al rientro dalla trasferta aretina, ecco il punto

Lorenzo Boganini

La società rende noto che questa mattina Lorenzo Boganini si è sottoposto

Scopri il nostro shop

Mostra il tuo orgoglio per i nostri giocatori e renditi protagonista del gioco.