“Orgoglioso dei ragazzi”

Al termine della partita contro la Reggiana, il primo a prendere parola in sala stampa è il responsabile della comunicazione Matteo Sechi che riporta una considerazione societaria: “La Reggiana festeggia la promozione in Serie B e l’Olbia si appresta a disputare l’ottavo anno in Serie C consecutivo. Magari sono dinamiche che si danno per scontate, ma oggi, al di là del risultato sportivo che non ci ha premiato, bisogna mettere in evidenza la risonanza nazionale dell’evento sportivo che c’è stato a Olbia. Circa mille persone sono venute nella nostra città e oggi festeggiano un traguardo importante generando sul territorio un indotto economico solo perché esiste l’Olbia. Pensiamo sia importante ribadire quanto importante e ricca di opportunità sia la Serie C per la città“.

SULLA PARTITA. La parola passa quindi al tecnico dei bianchi Roberto Occhiuzzi che analizza subito la gara: “Abbiamo disputato un ottimo primo tempo disputando una mezzora di grande calcio. La Reggiana sentiva molto la tensione ed è stato un orgoglio esprimerci alla pari contro la prima della classe. Malgrado il vento abbia condizionato fortemente la gara, abbiamo sempre cercato di giocare la palla come da nostro dna, ormai. Quella è la strada per valorizzare tutti gli effettivi. A Reggio forse qualcuno ha storto il naso per le nostre dichiarazioni pregara, ma nel calcio si gioca sempre per vincere. E la Reggiana è stata più brava di noi nello sfruttare le occasioni avute“. 

SUL PERCORSO. “Dispiace – prosegue Occhiuzzi – che questo campionato finisca tra una gara perché ho una squadra che gioca e si diverte nel giocare che avrebbe ancora tanto da dare. Guardandoci indietro, la fiducia della società è stata fondamentale per me ed esemplare per il calcio italiano. Oltre all’aspetto tecnico e di campo per cui, nei momenti duri, non ho mai cercato alibi pensando soltanto a lavorare, quest’anno si è cercato di far acquisire un senso di appartenenza alla squadra e credo che, grazie al sostegno della città, siamo riusciti pienamente nell’intento“. 

SUL TRAGUARDO. L’Olbia continuerà il proprio percorso in Serie C: “Per come si erano messe le cose nel girone di andata, questo traguardo ha un valore immenso soprattutto perché tutte le componenti hanno potuto dare il proprio contributo. Abbiamo disputato un girone di ritorno di alto livello, io ho cercato di migliorarmi sempre giorno dopo giorno e cercato di trasferire anzitutto questo esempio ai giocatori. Alleno un gruppo eccezionale e devo dire grazie ai giocatori più esperti per come mi hanno aiutato. Se credevo ai playoff? Sì, ci ho creduto finché la matematica ci dava delle chance. Credo che questa Olbia avesse i playoff nelle corde e dispiace davvero tanto aver perso punti all’inizio. L’Olbia è una squadra forte e oggi mi inorgoglisce vedere il mio tridente giocare in quel modo. Poche squadre hanno giocatori così, anzi mi spiace non essere riuscita a portare Biancu a fare più reti, si tratta di un giocatore eccezionale“. 

LE GARE NON DIGERITE. Guardandosi indietro, Occhiuzzi individua tre partite ricche di rimpianti: “La gara di ritorno a Pesaro, anzitutto. Si è giocato a una porta, anche quando eravamo in inferiorità numerica. Poi, la gara con l’Entella all’andata. In un momento difficile siamo passati dalla possibile vittoria alla sconfitta. E infine la gara di andata con la Recanatese, dove abbiamo prodotto una mole di gioco e occasioni enorme e raccolto solo un punto. Purtroppo, specie nel girone di andata succedeva spesso“. 

SUL FUTURO. C’è ancora una gara da giocare e non è arrivato il momento di parlarne: “Posso dire che la città e la Società meritano questo calcio. L’Olbia può contare ora su un’identità di gruppo chiara e sull’entusiasmo della sua città. Io? A fine campionato parleremo con la Società, per scelta condivisa abbiamo deciso di non farlo prima. Sono un allenatore ambizioso che è anche consapevole di dover crescere e lavorare tanto. Olbia, per questo, è la piazza ideale“. 

Condividi l'articolo

Scopri il nostro shop

Mostra il tuo orgoglio per i nostri giocatori e renditi protagonista del gioco.

Ultime notizie

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare il consolidamento della partnership con Geasar,

comunicato

La società rende noto che Gianluca Contini e Alessandro Corti terminano la

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare l’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare il consolidamento della partnership con Geasar,

comunicato

La società rende noto che Gianluca Contini e Alessandro Corti terminano la

comunicato

L’Olbia Calcio è lieta di annunciare l’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive

Scopri il nostro shop

Mostra il tuo orgoglio per i nostri giocatori e renditi protagonista del gioco.